Archivi tag: odontoiatria

Ortodonzia

Ortodonzia

Branca dell’ odontoiatria che si occupa della prevenzione, diagnosi e cura delle anomalie di posizione dei denti e/o delle ossa mascellari. Obiettivo della terapia ortodontica è il ripristino non solo dell’ aspetto estetico ma anche della funzione masticatoria, respiratoria, della deglutizione,della fonesi e di una postura corretta. Ci si può sottoporre ad un trattamento ortodontico a qualunque età,pur rimanendo la fase di crescita la migliore per un recupero ottimale delle malocclusioni di natura scheletrica In età adulta e avanzata sono comunque possibili terapie ortodontiche sia per migliorare l’estetica che per recuperare una buona funzione masticatoria e/o ottimizzare un lavoro protesico. Fondamentale,per prevenire l’ instaurarsi o l’aggravarsi di una malocclusione è la visita in età precoce, fra 3 e 6 anni d’età o, comunque, il più precocemente possibile.

 

Diagnosi

Un corretto iter diagnostico ortodontico prevede :

  • una visita odontoiatrica e posturale
  • foto del volto, intra-orali e dell’intera figura su scoliosometro
  • montaggio dei modelli in gesso delle arcate dentarie su articolatore
  • analisi cefalometrica
  • assiografia (se necessaria)
  • esame posturale su pedana posturo-stabilometrica
  • esami radiografici :
      1. ortopantomografia delle arcate dentarie in disclusione e massima intercuspidazione
      2. teleradiografia del cranio in proiezione latero/laterale
      3. teleradiografia del cranio in proiezione antero/posteriore ( se necessaria )

    Rx del rachide in toto in ortostatismo in proiezione antero/posteriore e latero/laterale ( se necessarie )

Terapia

Si avvale di apparecchi rimovibili, in modo particolare i funzionali, e fissi .Anche il molaggio di uno più elementi dentali e/o corono-plastiche provvisorie o definitive rappresentano un valido ausilio terapeutico ortodontico.

Di seguito sono riportati alcuni casi prima e dopo il trattamento:

 

odontoiatria-conservativa

Odontoiatria Conservativa

Le cure conservative prevedono innanzitutto la possibilità di curare un dente cariato, cioè affetto da una demineralizzazione dei tessuti dentali a causa di micro organismi presenti nel cavo orale ed adesi  al dente sotto forma di placca batterica.

Prevedono anche la possibilità di intervenire sui denti con vecchie otturazioni non più congrue perché infiltrate e con recidiva cariosa, di sostituire vecchie otturazioni in amalgama d’argento corrose ed annerite, di riparare fratture di spigoli e di cuspidi.

Conservativa è anche estetica; i materiali di ultima generazione, tipo nano-ceramiche, compositi di vario tipo, permettono oggi di riparare un dente in maniera funzionale ed estetica.

Dopo aver, obbligatoriamente, isolato il dente interessato con un foglio di materiale gommoso chiamato DIGA, per  evitare la contaminazione batterica salivare, si procede con la rimozione del tessuto dentale cariato o delle vecchie otturazioni e il ripristino dell’integrità dentale.