Gnatologia

Gnatologia

La gnatologia è una branca dell’odontoiatria che studia le funzioni dell’apparato masticatorio e i rapporti fra le sue componenti ( arcate dentarie, ossa mascellari, articolazioni temporo-mandibolari, muscoli masticatori ,nervi cranici e cranio ) occupandosi di ripristinarne l’equilibrio quando esso fosse alterato. Ne consegue che,quando non sicuramente sostenuti da affezioni distrettuali, sono di interesse gnatologico  sindromi dolorose facciali, cefalee ed emicranie,cervicalgie, lombo-sciatalgie, gonalgie, vertigini ed acufeni ed anche alterazioni dell’ appoggio podalico e della deambulazione.

 

Diagnosi

L’ iter diagnostico corretto prevede:

  • Visita e anamnesi odontoiatrica e posturale
  • Foto del volto,intra-orali e dell’intera figura su scoliosometro
  • Montaggio dei modelli in gesso delle arcate dentarie su articolatore
  • Analisi cefalometrica
  • Assiografia
  • Esame posturale su pedana posturo-stabilometrica
  • Esami radiografici:
    1. Ortopantomografia delle arcate dentarie in disclusione e in massima intercuspidazione
    2. Teleradiografia del cranio in proiezione latero/laterale e antero/posteriore
    3. Rx cranio cervicale in massima flessione ( tutte le vertebre cervicali )
    4. Rx cranio in massima estensione ( tutte le vertebre cervicali)
    5. Rx cranio a bocca aperta in proiezione antero/posteriore per visualizzazione trans-orale dell’epistrofeo
    6. Radiografia completa del rachide e bacino in ortostatismo nelle proiezioni A/P e L/L su lastre lunghe
    7. RNM delle articolazioni temporo-mandibolari ( in massima apertura, in massima intercuspidazione e in protrusiva )

Spesso non sono necessari tutti gli esami radiologici su elencati . Verranno selezionati di volta in volta in base alle problematiche presenti.

Terapia

Si avvale dell’impiego di bite ( di svincolo, di riposizionamento, di stabilizzazione ) a volte seguita o accompagnata da una terapia ortodontica con apparecchiature rimovibili o fisse. Altri interventi gnatologici sono rappresentati dal molaggio selettivo, da terapie protesiche e/o conservative. Inoltre non va mai trascurata un’ attenta rieducazione alla corretta postura mandibolare e globale.