Archivi categoria: News

Raccomandazione per la prevenzione dell’osteonecrosi della mascella / mandibola da bofosfonati

I bifosfonati possono essere causa di osteonecrosi a carico della mascella/mandibola

 

Si sta verificando nel nostro Paese una riduzione dei casi di nécrosi dell’osso della mandibola, una condizione clinica a lungo sottovalutata benché grave e invalidante. Lo annuncia Francesco Di Costanzo, primario dell’unità operativa complessa di oncologia medica “Careggi” di Firenze, che attribuisce la riduzione al lavoro del gruppo scientifico voluto dalla Regione Toscana e coordinato dallo stesso per lo studio della relazione tra i farmaci detti bifosfonati e tale osteonecrosi. Ma, nonostante si stia con ciò diffondendo la consapevolezza di tale relazione, è in aumento in Italia il consumo di tali medicinali perché vengono sempre più largamente prescritti per la prevenzione dell’osteoporosi alle donne che entrano in menopausa.

<<Come se questa patologia fosse drammaticamente aumentata nel nostro Paese e con tali prescrizioni si evitassero chissà quante fratture>> dice Silvio Garattini, direttore dell’Istituto di ricerche farmacologiche “Mario Negri” di Milano. Da uno studio condotto all’Università di Tampere (Finlandia) e pubblicato il 17 gennaio 2008 sul British medical journal emerge che otto fratture su 10 avvengono in persone che non hanno osteoporosi e che la causa di nove fratture su 10 è una caduta per cui non si può prevenire con farmaci. Un altro studio, dovuto a ricercatori dell’Università di Newcastle in Australia, rileva che per prevenire una sola frattura vertebrale potrebbe essere necessario trattare farmacologicamente per tre anni fino a 270 donne in stato di preosteoporosi.

Leggi l’articolo completo dal sito ilsole24ore.com

A questo link puoi trovare il documento originale del Ministero Della Salute

Qui invece l’articolo scritto dalla Società Italiana di Farmacologia

OCCLUSIONE E POSTURA, L’INTERRELAZIONE – L’articolo del nostro studio sulla rivista Sanissimi di dicembre 2013

L’IPOTESI CHE UNA MALOCCLUSIONE POSSA RIPERCUOTERSI SULL’EQUILIBRIO POSTURALE È AVVALORATA DA MOLTE TESI. PER QUESTO IL RUOLO DEL DENTISTA DIVENTA BASILARE.
LA PAROLA A DOMENICA BOZZI ED ELIO MARINARO

L’ottenimento del massimo confort occlusoposturale deriva da un connubio di mezzi e tecniche all’avanguardia, ma anche dall’unione
d’interventi odontoiatrici multidisciplinari. I disordini posturali a seguito di un’occlusione sono infatti quadri patologici molto frequenti e non solo in età pediatrica.

Continua a leggere

progressione-della-carie

Carie dentale

La carie dei denti colpisce soprattutto i popoli ad alto tenore di vita con un’incidenza piuttosto elevata; le cause che la determinano sono ancora poco note, ma in genere i fattori principali consistono nella deposizione della placca alimentare che si arricchisce di componenti salivari e costituisce un terreno favorevolissimo allo sviluppo di una flora batterica che altera il naturale equilibrio batterico nella cavità orale.

Continua a leggere

bimba-dentista

Carie nei bambini, dietrofront dei dentisti sul fluoro: “Niente gocce, basta il dentifricio”

Retromarcia della Società italiana di odontoiatria infantile, nelle nuove linee guida per la promozione della salute orale nell’età evolutiva. Un problema che colpisce circa 360.000 ragazzini. Per una buona prevenzione sono necessarie visite di controllo fin dai 3 anni.

Continua a leggere